MISSIONE DI KAMULI

PENTAX Image

La Scuola

POSTA: 
C/C 42520288 - Fondazione Mago Sales onlus - Via Bioletto, 20 - 10098 Rivoli (TO)

BANCA:
IBAN: IT73X0306930530100000061253
BIC: BCITITMM - Fondazione Mago Sales onlus

VERSAMENTI ON-LINE:
Dalla Home Page del sito della Fondazione - http://www.sales.it

IMPORTANTE
causale versamento: PROGETTO UGANDA - DON GIANNI

"A Kamuli, grazie all’aiuto di molti e fra questi anche World Capital, c’è un scuola tecnica per 200 studenti con nuove aule scolastiche, un salone teatro, degli uffici, un biblioteca e anche una sala professori.
Ci sono laboratori di idraulica, saldatura, aggiustaggio, installazioni elettriche civili, sartoria, informatica, falegnameria e altri ancora.
La struttura ha un proprio pozzo ed una cappella dedicata a Cristo Re.
È stato rinforzato il settore musicale con acquisto di nuovi strumenti e uniformi per la banda e altri strumenti e tal proposito vi voglio raccontare una storia. Quando mi siedo ad insegnare un pezzo di musica ai ragazzi della Banda di Kamuli c’è sempre da imparare qualcosa. Io non sono il maestro ma mi dilettao a dare una mano preparando un gruppo di strumenti (i corni, le trombe, i bassi), che poi sono armonizzati nell’insieme della banda dal maestro John Mpandi. E questo lo fa bene lui, il maestro. Ma ho visto che preparando uno e l’altro di questi gruppi ì, i ragazzi trovano molto difficile leggere e suonare le note che sono scritte sopra il “rigo musicale”.
Vada per il Fa e il Sol, ma di lì in su, si devono fermare a contare per sapere di che notasi tratta… e poi diventano viola – sono già neri, quindi ditemi voi che colore vien fuori mischiando nero e viola! – è per lo sforzo di produrre una nota così alta, che comunque non esce ai pulita o sonora.
Sono invece a loro agio quando si tratta si suonare le note scritte dentro il rigo – dal Do basso al FA alto – non importa se con note accidentali da diesis e bemolle. Le leggono naturalmente e suonano brillantemente.
Si sa sono ragazzi.

Trovo che questo insegna a imparare a vivere e organizzare la vita “dentro il rigo” delle mie possibilità. Quando si vuole strafare; quando si cercano occasioni e esperienze che non sono per noi; quando si vuol vivere ad un livello di benessere che comunque non possiam permetterci….si rischia di fare delle grandi stonature.

Da qualche tempo si respira aria di crisi, parlo di crisi economica.
Dappertutto nel mondo né l’Italia, né l’Uganda ne sono esclusi. A livello mondiale sembrano – e lo sono – giochi da esperti di cui io non ci capisco molto, ma a livello locale c’è meno lavoro, meno produzione e quindi meno soldi. Ma forse si era imparato in passato a “vivere sopra il rigo”, e ora non c’è più fiato (soldi) per farlo.
Allora si tratta di rientrare e suonare quelle melodie – che sono anche interessanti – che stanno dentro il rigo…ed essere felici così.

Vedete quante cose si imparano a insegnare musica in Uganda – dove però la maggior parte della nostra gente suona (leggi vive) una musica… ben al di sotto del rigo musicale! E le melodie sono spesso gravi: la gente si deve accontentare di sempre meno; gli impieghi diminuiscono; le medicine contro l’ AIDS sono un lusso; la corruzione rampante.

La Banda di Kamuli è al suo meglio quando interpreta – senza spartiti – melodie africane, che sono gioiose di natura – anche se tutte le note sono strettamente dentro o sotto il “rigo musicale” degli standard mondiali!
Continua a sperare con noi! Continua ad aiutarci!